NEL MONDO - POLITICA  - 2a1

IRAQ: Speranza svanita...E' Guerra!!!

20 MARZO 2003  -  1° GIORNO DI GUERRA


(pagina pubblicata il 15.05.2003)

Primo raid su Bagdad
Alle 3,33 ora italiana è cominciato l'attacco all'Iraq. Dopo la scadenza dell'ultimatum, alle 2 di notte, il presidente Bush ha firmato i piani operativi. A quel punto tempi e modi dell'offensiva sono passati nelle mani dei militari. Dal Pentagono filtravano ipotesi di un attacco non immediato ma entro 24-48 ore dalla scadenza dell'ultimatum. Invece le bombe su Bagdad sono cominciate a cadere un'ora e mezza dopo la scadenza dell'ultimatum, quando era quasi l'alba.

Vaticano: profondo dolore del Papa
La Santa Sede esprime «profondo dolore» per l'inizio della guerra all'Iraq e «deplora che si sia interrotta la via della trattativa», secondo il diritto internazionale. Lo ha detto il portavoce vaticano Joaquin Navarro Valls.

Berlusconi: dai cortei di protesta nulla di buono
Dalle manifestazioni di pace non mi aspetto niente di buono». Silvio Berlusconi, commenta le manifestazioni che si stanno tenendo in tutta Italia dopo l'intervento Usa in Iraq: un segnale negativo, secondo il premier, che difende la posizione assunta nella vicenda dall'Italia e votata dal Parlamento.

Si muove l'esercito della pace: cortei e sit-in
Dopo l'attacco a Bagdad, si è immediatamente mobilitato l'esercito dei pacifisti. In prima fila studenti e sindacati, ma in scena anche Disobbedienti e ragazzi dell'area antagonista che hanno dato vita, oltre a cortei e sit-in, anche a occupazioni e azioni più spettacolari.

 

Colonna inglese nel deserto del Kuwait

Addestramento dei soldati Usa in Kuwait
Il sergente dei marines Brian O'Callahan parla alle truppe
Un F-14A Tomcat parte dalla portaerei Usa Kitty Hawk, di stanza nel Golfo Persico
La tempesta di sabbia al confine con l'Iraq
Un manifestante a Hong Kong davanti al consolato americano
No alla guerra scritto sulla tavola da surf, Sydney
Le prime esplosioni a Badgad
Missili lanciati dalla nave militare americana Donald Cook
Militari Usa si preparano per il lancio missili Aim-120
Un aderente al partito Baath dietro a una delle barricate con il fucile
Addestramento dei volontari stranieri giunti in Iraq per difendere Bagdad
L'arrivo a Bagdad dei volontari che portano il loro appoggio all'Iraq prima dell'attacco

 

torna all'articolo     |     1                                     10      11      12      13      14      15     16  

 

(pagina pubblicata il 15.05.2003)


 

HOME    Il Sito    Gaggiano    Filatelia    Nel Mondo