FILATELIA - NOTIZIE FLASH - FESTIVITA' - 3

Le uova pasquali


(pagina pubblicata il  30.09.2004)

Tra tante uova, naturali oppure frutto dell'ingegno e della maestria di valenti artigiani che sono riusciti a farne dei veri e propri capolavori, per la prima Pasqua del terzo millennio ci sono anche le uova pasquali autoadesive. A proporle sono le Poste svedesi: in Svezia il Sabato Santo in un ora si consumano più di sei milioni di uova. Ricche, fanno notare al servizio filatelico di Stoccolma, di selenio, zinco e vitamine A, D ed E, di conseguenza consigliate con moderazione a quanti hanno il colesterolo elevato.
L'emissione svedese del 22 marzo 2004 comprende tre esemplari, ripetuti due volte nel libretto venduto a 6 corone, due dei quali raffiguranti uova colorate, mentre il terzo propone un pulcino. Privi dell'indicazione del valore e destinati alla corrispondenza interna, i francobolli sono opera di Gustav Malmfons: essi costituiscono la seconda emissione autoadesiva di Svezia (la prima risale al 17 agosto 2000, "I segni del cielo") e la terza in tema pasquale (in passato ci sono stati tra l'altro i due pezzi del 28 febbraio 1997 e quelli, anch'essi con immagini costituite da uova dipinte, del 14 gennaio 1999, in tutti e due i casi distribuiti in carnet di sei).
Uova dipinte e pulcino stilizzato pure da Helsinki. Usciti il 2 aprile 2001, riuniti in gradevolissimi fogli da venti (dieci coppie), con abbellimenti sui bordi, i due pezzi del Paese dei mille laghi presentano nominale unico da 3.60 marchi finnici ed immagini realizzate da Hannu Taina. Simpaticissimo l'annullo Giorno di emissione, dominato com'è da un novo con le zampe del pulcino.
Decisamente più artistiche le tre uova dentellate di Vaduz, prese come sono dalla collezione, che chi l'ha vista non esita e definire magnifica, di Adulf Peter Goop. Le uova pasquali d'artista diffuse dal Liechtenstein attraverso appropriati francobolli sono oltretutto costruite con metalli pregiati. E' questo il caso dell'uovo d'argento realizzato tra il 1896 ed il 1903, raffigurato sul taglio da 1.20 franchi. In smalto cloisonné è invece l'uovo da 1.80 franchi, realizzato tra il 1896 ed il 1908, mentre l'uovo del 2 franchi con su l'aquila, a ricordare l'origine zarista di questi preziosissimi oggetti, è in porcellana e risale al 1890. Riuniti in via del tutto eccezionale in piccoli fogli da dieci, con consueti abbellimenti marginali, i tre francobolli pasquali di Vaduz sono nati dal pennello di Silvia Ruppen e dal bulino di Wolfgang Seidel, mentre della stampa si è occupata l'Osterreichische Staatsdruckerei di Vienna. Accompagnata anche dalla versione maximum, l'emissione si richiama idealmente ai capolavori realizzati da Faberge. E, di conseguenza, all'emissione finnica del 1968.

Di taglio piu tradizionale si presenta la coppiola polacca, che ha oltretutto il merito di riportare la Pasqua nell'ambito propriamente religioso. Il taglio da 1 zloty, quello più usato come testimonia la produzione fissata in 15.200.000 esemplari, mostra infatti le tre Donne che, recatesi alla tomba di Gesù, non lo trovano. Al suo posto c'è un angelo che comunica loro l'avvenuta Resurrezione.
Piu contenuta, ma pur sempre elevata visto che ammonta a 2.8 milioni, la produzione del taglio da 1.90 zloty sul quale Cristo Risorto appare agli apostoli. Prese da vetrate, le immagini sono state messe in pagina da Maciej Jedrysik. Nel giorno di emissione, il 16 marzo 2001, i francobolli sono stati bollati a Varsavia con un annullo al centro del quale è mostrato l'agnello pasquale. Agnello pasquale che figura anche sul 55 groszy col quale i polacchi si scambiarono gli auguri nel 1998.
La Polonia, concreta testimonianza della grande popolarità che la Pasqua riveste nell'Est Europa, è ormai diventata uno dei Paesi più fedeli a questi appuntamenti dentellati. E' almeno dal 1995 che Varsavia mette a disposizione dei polacchi appositi francobolli augurali. Dapprima raffiguranti uova variamente decorate, in seguito con immagini di taglio marcatamente religioso.
Sulla scia della Polonia si muovono da qualche anno pure le Poste della Bulgaria, della Repubblica Ceca, della Romania e della Slovacchia, Paesi nei quali la Pasqua coincide con i grandi festeggiamenti per il ritorno, dopo i rigori invernali, della primavera.
Mettendo insieme i francobolli propriamente pasquali e quelli raffiguranti opere d'arte (pittoriche, in particolare) che hanno riferimenti con la passione e la Resurrezione di Cristo, è possibile realizzare un'interessante tematica.

 

Festività    |                  4      5      6      7      8      9      10      11      12      13      14      15      16      17      18      19      20 

 

(pagina pubblicata il  30.09.2004)


 

HOME    Il Sito    Gaggiano    Filatelia    Nel Mondo