FILATELIA - LA COLLEZIONE - ITALIA - IL PASSATO

1948 - 1955   Presidente Luigi EINAUDI

1948 1949 1950 1951 1952 1953 1954 1955

 

Durante la presidenza di Luigi EINAUDI furono emessi i seguenti 205 francobolli:

187 Posta Ordinaria
4 Posta Aerea
3 Espressi
2 Pacchi Postali
4 Pacchi Postali in Concessione
  2 Recapito Autorizzato
3 Segnatasse

Luigi Einaudi nacque a Carr¨ (Cuneo) il 24 marzo 1874. Compie gli studi universitari presso l'ateneo di Torino, dove frequenta il Laboratorio di economia politica di Roberto Benigni de Martiis. In quegli anni si avvicina al movimento socialista e collabora con la rivista "Critica sociale", diretto da Filippo Turati. La collaborazione con "Critica sociale" dura un decennio e si conclude con il distacco dai socialisti e il progressivo spostamento, a partire dai primi anni del Novecento, su posizioni sempre pi¨ apertamente liberal-conservatrici.
Nel 1895 ottiene la laurea in giurisprudenza. Copre la cattedra di Scienza delle finanze all'UniversitÓ di Torino, l'incarico di Legislazione industriale ed economica politica del Politecnico di Torino e l'incarico di Scienza della finanza all'UniversitÓ Bocconi di Milano. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche, soprattutto nelle materie economiche, alcune delle quali tradotte nelle principali lingue straniere.

Viene nominato Senatore del Regno nel 1919. Redattore de "La Stampa" di Torino e del "Corriere della Sera" di Milano fino al 1926, lascia l'attivitÓ giornalistica dopo l'avvento del fascismo. ╚ per˛ corrispondente finanziario ed economico del settimanale "The Economist" e dirige la rivista "La Riforma Sociale" dal 1900 al 1935 e la "Rivista di Storia Economica" dal 1936 al 1943. Dopo il 25 luglio 1943 torna a collaborare a "Il Corriere della Sera".

All'indomani della caduta del fascismo viene nominato rettore dell'universitÓ di Torino. Dopo l'8 settembre 1943 si rifugia in Svizzera dove scrive le "Lezioni di politica sociale"; rientra in Italia il 9 dicembre 1944; in questo periodo ha redatto una serie di articoli economici e politici per "Il Risorgimento Liberale".

Nominato Governatore della Banca d'Italia, ricopre l'incarico dal 5 gennaio 1945 all'11 maggio 1948. ╚ componente della Consulta Nazionale dal 1945 al 1946. Viene eletto Deputato all'Assemblea Costituente nel 1946 come rappresentante dell'Unione Democratica Nazionale e dÓ un autorevole contributo ai lavori. ╚ Senatore di diritto del Senato della Repubblica nel 1948 ai sensi della terza disposizione transitoria della Costituzione. Nel IV Governo De Gasperi (1947-1948) Ŕ Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delle Finanze e del Tesoro e successivamente (1947), Ministro del Bilancio (conservando l'incarico di Vice Presidente).

Viene eletto secondo Presidente della Repubblica Italiana l'11 maggio 1948 (al quarto scrutinio con 518 voti su 872). Inizialmente il Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi aveva candidato il ministro degli Esteri Carlo Sforza. La candidatura era appoggiata anche da una parte del fronte democratico-laico, ma incontrava la netta opposizione delle sinistre. Sebbene sulla carta disponesse di un'ampia maggioranza, Sforza non riuscý a ottenere i voti di tutti i parlamentari democristiani: contraria era in particolare la corrente di sinistra guidata da Giuseppe Dossetti. Dopo i primi due scrutini la dirigenza democristiana prese atto delle difficolta incontrate da Sforza e decise di candidare Einaudi. La nuova candidatura incontr˛ la disponibilitÓ dei comunisti a sostenerla. Allo scadere del mandato nel 1955 diviene Senatore a vita. Tra le opere pubblicate dopo la fine del mandato presidenziale ha molto successo il volume di ricordi Lo Scrittoio del Presidente.E' deceduto il 30 ottobre 1961.

 

1948 1949 1950 1951 1952 1953 1954 1955

 

Italia Il Passato   |   De Nicola     Einaudi     Gronchi     Segni     Saragat     Leone     Pertini     Cossiga     Scalfaro     Ciampi    |    Italia NovitÓ    

 

  (pagina pubblicata il 25.09.2006)


 

HOME    Il Sito    Gaggiano    Filatelia    Nel Mondo