Filatelia - Dizionario Filatelico

  Dati, immagini e didascalie della presente pagina sono tratte dal dizionario "Il francobollo e la posta dall' A alla Z" di Franco Filanci, pubblicato sullo Speciale n. 2 di Cronaca Filatelica, al quale si rimanda per una più completa esposizione.

 

A



ABBONAMENTO POSTALE

Sistema di affrancatura di giornali stampe periodiche introdotto ii 10 luglio 1874 "per liberare gli editori dall'obbligo dell'affrancatura sia ci francobolli sia col bollo preventivo"; consiste nel pagamento anticipato delle tasse, che viene segnalato sugli oggetti semplicemente con l'indicazione a stampa "Abbonamento postale". Inizialmente non vi erano agevolazioni di tassa; queste iniziarono solo dal 21 luglio 1890 e col tempo divennero sempre più elevate, per favorire la diffusione della cultura, sino a diventare decisamente ridicole.

 

ABBUONO

Sistema di scarico delle tassazioni introdotto in Italia iL 10 lugliO 1885. Quando una lettera tassata veniva rispedita, non si "annullavano" più i segnatasse come in precedenza (ripetendo la tassazione nella nuova località) ma l'ufficio che riscuoteva la tassa inviava a quello che li aveva applicati un apposito modulo con sopra segnatasse per l'identico importo, a giustificazione del mancato incasso.

 

ACCO

Allied Censor Control Officer. Nel 1945-47 a Trieste era l'ufficiale che "soprintendeva all'avviamento delle corrispondenze" agli uffici di censura alleati di Udine e Venezia, non potendosi effettuare localmente alcuna censura per accordi presi con gli iugoslavi; la posta così avviata era distinta dal bollo triangolare ROUTED VIA ACCO.

 

AEROESPRESSO

Abbinamento dei servizi di posta aerea e di recapito espresso, quasi sempre con uno sconto sulla somma delle due tariffe, inaugurato fin dal maggio 1918 fra New York, Philadelphia e Washington con i primi francobolli aerei degli Stati Uniti. L'Italia introdusse questa agevolazione iL 10 maggio 1934, dopo che da un anno era apparso un francobollo apposito che, in mancanza di incentivi tariffari, fu praticamente snobbato da tutti. L'abbinamento agevolato venne riproposto tra il 1949 e il 1951, ma senza francobolli appositi nè panticolare successo.

 

AFFRANCATURA COMPOSITA

Quando una lettera viene affrancata con francobolli diversi appartenenti però ad una sola emissione.

 

AFFRANCATURA MECCANICA

 

Impronta d'affrancatura impressa con speciali macchine automatiche autorizzate dalle Poste. E' composta dal punzone di Stato recante il valore, fornito delle autorità postali, dal bollo datario con indicazione della località ed eventuali altre diciture, anche pubblicitarie. L'Italia introdusse questo sisterna d'affrancatura nel 1927, e la prima affrancatrice in uso regolare fu attivata nella primavera 1927 a Bologna alle Esposizioni Riunite del Littoriale. Le "rosse" possono anche essere impresse su strisce di carta gommata da applicare ai plichi che non entrano nell'affrancatrice. Inizialmente tale sistema non era ammesso per il pagamento di servizi accessori (posta aerea, espresso, posta pneumatica) nè sulle ricevute di ritorno. Dal 1932 ne venne approntata una versione doppia per i bollettini pacchi, mentre dal luglio 1953 è anche utilizzata in azzurro o in nero per le tassazioni. Fra il 1943 e il 1946 le "rosse" ebbero varie traversie a causa dei fasci che vi apparivano.

 

A.F.T.I.

Anche il mondo filatelico è pieno di sigle che possono essere più o meno oscure. Questa sigla è quella dell'Associazione Filatelisti Tematici Italiani con sede a Milano.

 

APPENDICE

E' quel pezzetto di carta in più, pure dentellato, aggiunto al francobollo. In genere serve per completare con disegni o scritte il tema proposto dalla vignetta del francobollo. Se viene separata dal francobollo, l'appendice non ha valore di affrancatura. Fino ad una ventina di anni fa era tipica e quasi esclusiva dei francobolli di Israele. Successivanmente venne introdotta anche in Italia e in altri Stati.

 

A.S.I.F.

Associazione Sanitari Italiani Filatelisti. Fondata nel 1954, grazie al finanziamento di un'Azienda Farmaceutica pubblicò dal 1960 il Notiziario ASIF con contributi di notevole interesse storico-postale e tematico, che consentirono di trovare in Silvano Sorani un nuovo editore nel 1977, quando fu vietata ogni forma di pubblicità alle Ditte farmaceutiche; dovette comunque chiudere nel 1980.

 

ASSOCIAZIONE FILATELICA

Unione di filatelisti interessati a uno stesso settore collezionistico, per lo scambio di notizie e materiale, l'organizzazione di mostre e per promuovere la loro specializzazione.

 

AUTOADESIVO

Francobollo impresso su speciale carta autoadesiva riparata da un supporto in materiale plastico, che si applica alle corrispondenze senza bisogno di umettare il collante. In Italia è apparso per la prima volta nel 1992 in un libretto sperimentale che però, a causa della scarsa tiratura, non ha avuto alcuna effettiva diffusione presso il pubblico. Le sostanze usate per tenere morbido il collante hanno inizialmente posto gli stessi problemi del nastro adesivo, come l'ingiallimento della carta, la difficoltà di staccare questi francobolli dalle corrispondenze e di eliminare la gomma dagli usati.

 

AUTOMATICO

 

Francobollo impresso totalmente o parzialmente da speciali macchine distributrici al momento in cui viene richiesto inserendo le monete. Si tratta di un'evoluzione, introdotta sul finire degli anni '70, delle affrancatrici meccaniche, o più esattamente della versione meter-o-mail su stri scia gommata. Il facciale del fran cobollo può essere scelto entro una rosa di valori prefissata op pure stabilito a proprio piacere: in entrambi i casi è sufficiente mettere in collezione qualche esemplare, se non si vuole im pazzire o cadere nella monotonia. Inizialmente veniva stampato l'intero francobollo, di norma su carta con fondini di sicurezza, ma l'aspetto risultava ben poco gradevole; in seguito si sono usate vignette policrome prestampate su cui la macchina imprime di volta in volta il solo valore.

 

AVVISO DI RICEVIMENTO O DI PAGAMENTO

Modulo su carta o cartoncino di vario formato e colore che si allega a raccomandate, assicurate, vaglia e pacchi postali in modo che il destinatario vi apponga la data e la propria firma per ricevuta al momento della consegna o del pagamento, dopodiché viene restituito al mittente. Il servizio fu introdotto già in epoca prefilatelica e arrivò in Italia tramite il Regno Lombardo-Veneto. La tassa è di solito uguale a quella di una lettera; dal 10 gennaio 1891 al 31 marzo 1920 ebbe anche una tassa ridotta entro il distretto, agevolazione che talvolta si trova erroneamenre applicata anche in seguito. Gli appositi moduli, molto variati nel corso del tempo, e che a fine '800 viaggiavano in busta, per un certo periodo addirittura raccomandata, possono essere anche stampati dai privati, su autorizzazione, e sono stati talvolta sostituiti con cartoline postali.

 

Inizio Dizionario   |                                J-K                                   V-W      X-Y-Z     

 

(pagina pubblicata la prima volta il 14.08.2001, aggiornamenti successivi fino al 12.12.2003)


 

HOME    Il Sito    Gaggiano    Filatelia    Nel Mondo