FILATELIA - ARTICOLI - 23

Il Primo Francobollo Italiano
(Nuovo Gaggiano Mese - Novembre 1994)


(pagina pubblicata il  15.09.2003)

In uno dei primi articoli comparsi in questa rubrica descrivemmo ii famoso "Penny Black" primo francobollo emesso nel mondo e precisamente in Inghilterra ii 6 maggia 1840. Fu questo il primo francobollo del mondo e naturalmente quindi il primo francobollo Inglese.
Anche l'Italia ha avuto ii suo primo francobollo!!! Fino ad una decina di anni fa tutti i cataloghi presentavano come "numero uno" della collezione Italia, l'esemplare da 10 centesimi di colore bistro, con l'effige di Vittorio Emanuele II - analogo a quelli emessi dal Regno di Sardegnaa partire dal 1855 ma dotato di dentellatura - posto in circolazione il 24 febbraio 1862. Il noto catalogo "Bolaffi" nell'edizione del 1985 ribaltò la catalogazione ponendo quale N. 1 d'Italia l'esemplare da 5 centesimi di colore nero emesso dal Regno di Sardegna in data 10 gennaio 1851.

Naturalmente questa decisione presa dall' Editore Torinese suscitò un vivacissimo dibattito e non poche polemiche tra gli esperti del tema. A questo punto un pò di storia non guasta.
Innanzitutto dobbiamo constatare che aprendo un qualsiasi catalogo dei francobolli italiani, i primi esemplari nei quali ci imbattiamo sono quelli emessi dagli "Antichi Stati Italiani" e precisamente:

- 1° giugno 1850 prima emissione del Lombardo-Veneto raffigurante lo sternma austriaco;
- 1° giugnoo 1852 prima emissione dello Stato Pontificio avente come soggetto il triregno e le chiavi decussate;
- 1° giugno 1852 emissione del Ducato di Modena raffigurante l'aquila estense coronata;
- 1° giugno 1852 emissione del Ducato di Parma con il giglio borbonico coronato;
- 1° settembre 1852 emissione del Granducato di Toscana raffigurante il Leone coronato detto "Marzocco";
- 1° Gennaio 1858 Emissione del Regno di Napoli con lo stemma in tre campi e tre diversi soggetti;
- 1° Gennaio 1859 Emissione di "Sicilia" con l'effige di Ferdinando II.

Collegando le diverse date sopracitate con gli avvenimenti storici è innegabile che l'Italia, in quanto nazione, esisteva prima della proclamazione del Regno d'Italia avvenuta il 17 marzo 1861. Partendo da questo presupposto alcuni esperti filatelici hanno tentato di accreditare la tesi seconda la quale il titolo di "Primo Francobollo Italiano" spettasse al francobollo da 5 centesimi della prima esmissione del Lombardo-Veneto posta in corso il 1° giugno 1850. Questa idea fu subito combattuta e cadde in quando il suddetto francobollo era da considerarsi a tutti gli effetti austriaco per due ragioni: il soggetto raffigurava lo stemma asburgico e l'emissione fu posta in circolazione da un Regno sotto la dominazione austriaca.
Scartata quindi questa soluzione si decise di proclamare quale "Primo Francobollo Italiano" il 10 centesimi della emissione del Regno di Sardegna posto in circolazione il 24.02.1862 (di cui accennavamo all'inizio di questo articolo) in quanto prima serie di francobolli emessa dopo la proclamazione del Regno d'Italia (17.03.1861).

           

La decisione del 1985 del Catalogo Bolaffi, tutt'ora confermata da tutti gli esperti, di eleggere invece quale numero uno d'Italia il 5 centesimi nero emesso dal Regno di Sardegna il 1° gennaio 1851 scaturì dal fatto che il Regno d'Italia proclamato il 17.03.1861 viene considerato una "continuazione" del Regno di Sardegna; infatti Vittorio Emanuele era già da tempo "di fatto" Re d'Italia e dopo la proclamazione mantenne lo stesso numero dinastico "II".
Concludendo, anche noi non possiamo che concordare pienamente con il Catalogo Bolaffi affermando che il Primo Francobollo d'Italia è il 5 CENTESIMI NERO - Regno di Sardegna 1° Gennaio 1851 - soggetto Effige di Vittorio Emanuele II.

Giuseppe

 

indice Filatelia-Articoli    |    1                                     10     11     12     13     14     15     16     17     18     19     20     21     22     23     24     |    Altri articoli  

 

(pagina pubblicata il  15.09.2003)


 

HOME    Il Sito    Gaggiano    Filatelia    Nel Mondo