FILATELIA - ARTICOLI - 18

Alessandro Manzoni
(Nuovo Gaggiano Mese - Marzo 1994)


(pagina pubblicata il  15.09.2003)

Con rammarico dobbiamo constatare che ii più illustre esponente della letteratura italiana dell'800 non ha avuto un riconoscimento filatelico degno della sua fama. L'unica serie filatelicamente importante è quella emessa ii 29.12.1923, durante ii Regno d'Italia, in occasione del cinquantenario della morte di Alessandro Manzoni. L'emissione è composta da 6 valori di aspetto molto gradevole. I primi quattro raffigurano altrettanti immagini che ci riconducono ai "Promessi Sposi". Il 10c raffigura Pescarenico, sede del convento di Fra Cristoforo; il 15c Lecco e sullosfondo il Resegone; il 30c la partenza di Lucia Mondella;. il 50c il ramo del Lago di Como...; il quinto valore da 1 Lira ritrae la casa milanese dove morì Manzoni; infine il 5 Lire ci mostra il ritratto dello scrittore. Proprio quest'ultimo valore, il 5 lire, grazie alla sua particolare rarità, ha fatto crescere col passare degli anni la quotazione della serie; oggi la serie completa ha un prezzo di oltre 3 milioni.E' proprio quindi il caso di affermare che i francobolli per Manzoni sono pochi ma buoni.

            

 

Alessandro Manzoni nacque a Milano il 7 marzo 1785 dall'unione del Conte Pietro con Giulia Beccaria. Visse alcuni anni della sua vita a Parigi a contatto con i più importanti scrittori francesi del momento. Nel 1808 sposa la Calvinista ginevrina Enrichetta Blondel dalla quale ebbe sette figli. In seguito a una profonda crisi religiosa si convertì, assieme alla moglie, al cattolicesimo. Conseguenza di questa conversione sono gli "Inni Sacri" e le "Osservazioni sulla morale Cattolica" del 1819. Altre importanti opere sono "Il Conte di Carmagnola" e l' "Adelchi" legati al movimento del Romanticismo; le odi "Marzo 1821" e "Il Cinque Maggio" ispirati a ideali patriottici e così via. Manzoni muore a Milano a 88 anni , il 22.5.1873.
L'opera più importante che ha reso famoso Manzoni in tutto il mondo era ed è il romanzo "I Promessi Sposi" che fu pubblicato per la prima volta nel 1827. C'è una curiosa coincidenza da ricordare tra Filatelia e Manzoni. L' anno 1840 - e cioè l'anno di nascita del "Penny Black" il primo francobollo del mondo - coincise con l'inizio dell'uscita a dispense dell'edizione "principe" dei "Promessi Sposi", quella curata personalmente dallo stesso Manzoni che divenne quindi editore in proprio. La pubblicazione fu composta da 94 fascicoli che uscirono in 94 settimane. Ma alla fine migliaia di dispense rimasero invendute e l' "avventura" dell' "Editore Manzoni" si rivelò quindi un colossale fiasco economico: si parlò allora di una perdita di 40 mila lire, qualcosa come 400 milioni di oggi. Ma il romanzo risultò in ogni modo bellissimo, e Manzoni essendo ormai già considerato il massimo autore italiano riuscì a superare anche l'insuccesso editoriale.

         

Da allora tutte le genenazioni degli studenti italiani si sono cimentati nella lettura di questo splendido romanzo scritto prima della nascita del francobollo e che certamente sarà immontale. Le Poste Italiane hanno onorato Manzoni in due occasioni: nel 1923 con la bella serie di cui abbiamo parlato all'inizio, in occasione del 50° annivensario della morte e nel 1973 il 22 maggio con un valore da Lit. 25 nel centenanio della morte.
San Marino invece lo ha voluto ricordane in occasione del bicentenario della nascita con una serie di 3 valori (400 - 450 - 600 lire) emessa in data 11.9.1985. Speriamo che in futuro anche qualche altra amministrazione postale provveda ad arricchire l' "album filatelico" dedicato a questo grande poeta, colonna portante della letteratura italiana.

Giuseppe

 

indice Filatelia-Articoli    |    1                                     10     11     12     13     14     15     16     17     18     19     20     21     22     23     24     |    Altri articoli  

 

(pagina pubblicata il  15.09.2003)


 

HOME    Il Sito    Gaggiano    Filatelia    Nel Mondo